DNG RAW

I formati RAW e DNG sono i più indicati per i fotografi professionisti.

Le macchine fotgrafiche digitali, comprese quelle integrate nei telefonini, normalmente salvano in formtao JPEG. Questo perché, come abbiamo visto, è un formato universale, agile e versatile.

Se vogliamo salire un po’ di qualità, invece, alcune macchine fotografiche possono salvare in formato TIFF, ma soprattutto è molto diffuso il formato Camera Raw.

Questo è un formato particolare, studiato per immagazzinare i dati del sensore e tutte l eimpostazioni della macchina fotografica al momento dello scatto. Le informazioni aggiuntive si chiamano “metadati”.

Quando Photoshop apre questo tipo di immagini, passa per una maschera di apertura chiamata “Camera Raw” che si occupa di interpretare il file, basandosi sulle informazioni in esso contenute.

All’interno di questa maschera possono essere apportate delle modifiche all’immagine in post-produzione, cosa non è possibile, per esempio, con un JPEG o anche con un TIFF salvati dalla macchina fotografica.

Il formato RAW cambia da macchina a macchina, in quanto ogni casa produttrice adotta varianti specifiche.
Se si vuole un paragone con il negativo fotografico tradizionale, questo formato è il DNG (Digital Negative), sviluppato da Adobe ma non proprietario, quindi pubblico.

In questo modo, aprendo un RAW da Photoshop e salvandolo come DNG, ci si garantisce una riapertura dei dati originali in qualsiasi momento e in qualsiasi altro software compatibile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *