Introduzione a ZBrush

In un lasso di tempo relativamente breve, ZBrush è diventato uno dei più importanti strumenti professionali di modellazione 3D, conquistandosi nel contempo una reputazione di strumento accessibile e intuitivo anche ai non esperti.

Con una combinazione di pennelli e strumenti ergonomici, ZBrush permette di scolpire in tempo reale modelli organici da milioni di poligoni e di applicarvi delle texture. E’ possibile quindi esportare le creazioni per renderizzarle nel programma 3D preferito.
La scultura ad alta definizione consente di elaborare modelli composti da un massimo di un miliardo di poligoni (sebbene non simultaneamente).
E’ possibile creare un modello ad alta definizione e utilizzarlo per creare livelli di dettaglio straordinari; tuttavia, più dettagliato è il modello più piccola è la parte di esso che si può elaborare in un certo momento.
E’ possibile aggiungere la possibilità di pittura mediante alfa (pennelli con texture) in un modo più intuitivo .
Il nuovo strumento di ZBrush Traspose consente di selezionare una parte del modelloe di creare un sistema di manipolazione con il quale ricollocare la porzione in questione.

Non è più necessario esportare il modello per creare delle ossa allo scopo di metterlo in posa: è possibile creare le posture direttamente in ZBrush.

L’introduzione a ZBrushdettagliata è possibile trovarla nel sito prodittore qui:

Introduzione delle caratteristiche di ZBrush:

  • – Trasposizione tramite linea d’azione
  • – Matcap per la creazione di texture realistiche
  • – Telecamera prospettica
  • – Supporto multihreaded per un massimo di 256 processori
  • – Supporto per un miliardo di poligoni
  • – Geometria ad alta risoluzione
  • – Il sistema Spheres facilita e velocizza le creazione di una nuova topologia
  • – Il sistema di programmazione integrato permette di creare un’interfaccia su misura per il flusso di lavoro
  • – Sistema Alpha e Texture definito dall’utente

Un altro articolo interessante sulla modellazione 3D potrebbe essere Terragen dovepotete trovare un articolo introduttivo qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *